innesti barbatelle

Portainnesti, cloni e barbatelle

Radici della vite

Le radici di vite americana per combattere e prevenire la fillossera vengono chiamate “portainnesti” ( o anche “piede” o “talea”) su cui appunto si innesta il tralcio (la marza) con una o più gemme che si salderà alla vite costituendone la parte alta.

Derivano tutti da una specie americana resistente alla fillossera i diversi tipi di portainnesti, ognuno adatto a uno specifico terreno, clima, esigenze di produttività, sistemi di allevamento, vitigno scelto da innestare. Anche le marze sono selezionate accuratamente con l’obiettivo di individuare i cloni che offrono le migliori produzioni in base alle caratteristiche del vigneto e al vino che si vuole ottenere.

In genere nella messa a dimora di nuovi vigneti vengono impiantate delle barbatelle (portainnesto più tralcio del vitigno già innestato).

CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • "P" come "Polifenoli"I polifenoli sono tra i più importanti responsabili del gusto, della struttura e del colore del vino. Le sostanze di natura fenolica più importanti sono i flavonoli responsabili del colore dei vini bianchi, le catechine e i leucoantociani responsabili dell'instabilità del colore dei vini bianchi e gli antociani per il…
  • "I" come "Imbottigliamento"L'imbottigliamento è l'atto finale della vinificazione, ma non è affatto detto che l'affinamento sia terminato: molti vini richiedono infatti mesi, o addirittura anni, di ulteriore riposo in bottiglia per maturare. E' un'operazione delicata e importante: massima igiene e minor contatto possibile con l'aria sono le prime due regole da seguire.…
  • Vino, a taste of ItalyNon potevo mancare! Expo Milano è l'evento che ha indubbiamente caratterizzato questo 2015! Sono stata una degli oltre 20 milioni di visitatori a varcare i cancelli per dirigermi in prima battuta direttamente all'intersezione tra cardo e decumano e... raggiungere il padiglione dedicato al Vino Italiano! Era il 31 marzo del 2008 quando…