"Divino Andino" di Francesco Antonelli

Divino Andino di F. Antonelli

...ovvero la storia del viaggio di un assaggiatore di vino

Fuori fa freddo e io ho voglia di coccolarmi un po’: una cena in compagnia di cari amici, il mio maglione preferito, il fuoco del caminetto, un calice di rosso… o un libro magari!

Mi sono fatta un regalo e durante le Feste so cosa leggere: “Divino Andino” ovvero la storia di un assaggiatore di vino in viaggio per la “Cordillera”.

Mi ha convinto la descrizione che ho trovato direttamente sul sito dell’autore:

<<Divino Andino è il racconto di uno straordinario viaggio zaino in spalla di un assaggiatore di vino in cerca di un nuovo inizio in terra sudamericana.
Un lungo percorso che unisce turismo ed enoturismo, in un continuo alternarsi di persone, avventure e assaggi, in un nuovo modo di vivere con curiosità ed entusiasmo il “senso del viaggio”.
Dal volo sulle linee di Nasca a Machu Picchu, passando per la valle di Ica, nel deserto costiero peruviano dove si produce il Pisco, distillato nobile del Sud America.
Dalla Isla del Sol del Lago Titicaca al Salar de Uyuni, l’immenso deserto di sale dell’altopiano boliviano, con deviazione alla regione di Tarija, così affascinante ma ancora sconosciuta al mondo del vino internazionale.
E Poi la Ruta Numero 40 che da Salta arriva in Patagonia e corre parallela alla Cordigliera argentina, alla ricerca delle migliori “Bodegas”, e per finire l’arrivo a Santiago del Cile e la poetica Valparaìso di Pablo Neruda>>.

La mappa del viaggio che mi aspetta tra le pagine del libro, disegnata dall’autore, mi ha già entusiasmata. Non vedo l’ora di avere un po’ di tempo da dedicare a me e alla mia grande passione: il Vino, anche se questa volta di vino ne leggerò senza assaggiarne… almeno una volta!

Buona lettura!

Cliccate qui per andare sul sito del libro.

CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • Portainnesti, cloni e barbatelleLe radici di vite americana per combattere e prevenire la fillossera vengono chiamate "portainnesti" ( o anche "piede" o "talea") su cui appunto si innesta il tralcio (la marza) con una o più gemme che si salderà alla vite costituendone la parte alta. Derivano tutti da una specie americana resistente…
  • "R" come "Rotondo"Quando un vino è rotondo? Il termine di degustazione "rotondo" indica la struttura di un vino in bocca. Un vino che merita questo aggettivo è liscio e gentile sulla lingua con una piccola o addirittura nessuna punta acida. Un vino acquista rotondità quando tutti i suoi componenti (alcol, acidità, tannino,…
  • I primi 100 di Carpe Vinum!Oggi voglio festeggiare con voi un numero importante per Carpe Vinum! Non si tratta del numero dei visitatori del sito web o dei followers sui canali "social". Anche se questi sono comunque numeri di successo, dei quali sono molto orgogliosa e onorata, ce ne è uno che mi sta particolarmente…