C come...

“C” come “Criomacerazione”

Il dizionario della vite

Nella parte interna delle bucce risiede la maggior parte degli aromi; proprio nelle bucce, e nei vinaccioli, si raccolgono sostanze che sono necessarie ai vini rossi (come i tannini e le sostanze coloranti), ma negative per i vini bianchi.

Risolve il problema la Criomacerazione, procedimento che consente di estrarre il massimo degli aromi senza acquisire sostanze negative per il vino bianco. Il mosto, ottenuto tramite pigiadiraspatura viene raffreddato a 5/8 gradi per un periodo che va dalle 10 alle 24 ore. Il freddo inibisce gli enzimi e permette al vino di assorbire molte sostanze odorose aromatiche e pochi polifenoli, divenendo ricco di aromi primari, ma povero di tannino e di colore.

Alla fine dell’operazione si avrà un vino morbido, con una vasta gamma di profumi che richiamano l’uva con la quale è prodotto e piuttosto stabile alle ossidazioni.

CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • "P" come "Polifenoli"I polifenoli sono tra i più importanti responsabili del gusto, della struttura e del colore del vino. Le sostanze di natura fenolica più importanti sono i flavonoli responsabili del colore dei vini bianchi, le catechine e i leucoantociani responsabili dell'instabilità del colore dei vini bianchi e gli antociani per il…
  • "O" come "Ossigeno"L'aria è fondamentale per la maturazione del vino, ma va ben dosata. Può infatti trasformarsi in uno dei più pericolosi nemici. L'eccessivo contatto con l'aria favorisce lo sviluppo dei batteri dell'aceto e altera i colori scolorendo i vini rossi e imbrunendo quelli bianchi. All'inizio l'aria è indispensabile per favorire la…
  • "D" come "Deposito"Il residuo che capita di trovare in una bottiglia non significa necessariamente che il vino sia cattivo. E' molto più importante, come indice di qualità, verificare la limpidezza di un vino: un liquido torbido, con particelle perennemente in sospensione, può far pensare a una rottura del colore e della limpidezza,…