Chateauneud du Pape

Alla scoperta dello Chateauneuf- du-Pape.

Densità di storia.

Tutto nasce alle porte di Avignone, da cui il nome “Chateauneuf-du-Pape”, che evoca gli anni in cui la città francese divenne sede papale.

Qui l’equilibrio per grandi rossi è stato trovato grazie al sapiente assemblaggio di diciotto tipi di uve, che variano di vino in vino, ma le più usate sono Grenache, Syrah, Mourvèdre, Cinsault (porta morbidezza), Counoise (corpo e bouquet), Muscardin (conferisce struttura, colore, freschezza), Bourboulenc, Clairette. Sempre presenti nello Chateauneuf-du-Pape, Grenache-Syrah-Mourvèdre, dalle cui iniziali è stato creato l’acronimo GSM usato nel mondo per indicare vini prodotti con questo stile in molti altri Paesi.

I più apprezzati GSM fuori dal Rodano sono in Spagna (nel Priorat), nella Barossa Valley australiana e in California, ma se ne trovano anche in Italia.

Certamente lo Chateauneuf-du-Pape è uno dei vini più densi di storia: si pensi che già nel 1157, il vescovo di Avignone Goffredo, fedele a Roma, pianto e allevò la sua vigna. Nel 1308, Clemente vi piantò le sue viti, e fu uno dei primi wine maker locali. Giovanni XXIII apprezzò particolarmente il prodotto di queste vigne, ordinò di costruire in loco un castello e attribuì al vino il prestigioso titolo di “Vino del Papa”, da cui il nome attuale Chateauneuf-du-Pape.

Il rosso ricopre la quasi totalità della produzione. Il bianco è piuttosto raro e rappresenta solo il 6%.

CONDIVIDI SU:

Articoli correlati

  • Vini di vigne non innestate: territori risparmiati dalla fillossera.Verso il 1860 un minuscolo parassita attaccò le radici delle viti europee, uccidendo le piante in pochissimo tempo. La fillossera, arrivata dall'America si propagò molto velocemente, distruggendo le vigne di intere regioni: solo i territori sabbiosi o vulcanici furono risparmiati, perché impedivano lo sviluppo dell'insetto sulle radici. Non potendo piantare…
  • "T" come "Terroir"Il Terroir non è altro che il complesso insieme di fattori biologici (il vitigno), geografici, climatici, geologici che caratterizza il vino che vi si produce. Quindi il terroir , che può racchiudere tutti i fattori di spazio, luogo, clima, microclima, è il concetto di luogo e di spazio più potente…
  • Vini della laguna di Venezia: territorio salino.L'isola di Sant'Erasmo appartiene al comune di Venezia, ma non somiglia per niente alla città visitata da milioni di turisti ogni anno. Michel Thoulouze, quando scopre i giardini abbandonati in riva al mare, raccoglie informazioni da alcuni amici viticoltori. Venezia è un' ottima idea di marketing, il vino però deve…